Poetica d’artista

Tulliriano Conte detto “Tulli” nasce a Chivasso nel marzo del 64. Sin dall’adolescenza conte manifesta una particolare visione del mondo, dove gli Stones di Jagger e la passione per Warhol lo iniziano all’arte pop, molto in voga nelle grandi città occidentali.

La vita porta Conte a impegnarsi su diversi fronti lavorativi, ma la sommelerie è sicuramente l’attività e la passione che lo contraddistingue.

Le prime opere di Conte infatti riprendono le materie prime del mondo del vino ( bicchieri, bottiglie, torchi), e da queste ne ricava delle opere affascinanti e di grande impatto estetico.

Negli ultimi anni, Conte, senza abbandonare la sua prima linea creativa si sposta su un idea di opera pop che vada oltre all’immagine, oltre al significato estetico.

La Pop art di conte, detta “Ermeneutica Pop” appunto per la difficile analisi e comprensione delle sue opere, parte da un incipit avvicinabile all’arte povera, per contenuti e messaggio, ma si espande a colorazioni fauve ed a un mondo immaginifico proprio dell’astrattismo espressionista spagnolo di Mirò.